Allarme power bank, se hai questi modelli sono a rischio esplosione

È scattato l’allarme per le power bank. Se avete uno di questi modelli state molto attenti, sono a rischio esplosione.

Per poter godere del massimo dell’autonomia con i propri dispositivi tech, ci sono alcune considerazioni di cui tenere conto. Già al momento dell’acquisto, dovreste controllare sempre qual è la capacità della batteria e se ci sono sistemi di ricarica rapida. Sempre più avanzati e che danno modo di ottenere il 100% in qualche minuto.

Allarme per questi modelli di powerbank, potrebbero surriscaldarsi
Questi modelli di powerbank rischiano di esplodere: è allarme – 24log.it

Ma soprattutto in situazioni dove bisogna passare molte ore lontani da casa e non si ha modo di avere accesso ad una presa elettrica, entra in gioco un altro accessorio sempre più in voga negli ultimi anni. Ossia le power bank, vere e proprie batterie portatili che possono essere collegate tramite un cavo e danno modo di ricaricare i propri dispositivi tech senza problemi. Di recente però, è scattato un allarme in tal senso. Se avete uno di questi modelli state attenti, perché sono a rischio esplosione.

Allarme powerbank, alcuni modelli sono a rischio esplosione: la lista completa

Al giorno d’oggi, è possibile trovare tantissime tipologie di power bank diverse sul mercato. Si tratta di modelli che si differenziano tra di loro per le dimensioni e soprattutto per la potenza. Con la possibilità di ricaricare i propri dispostivi tech in tempi sempre più ridotti, grazie ad alcune specifiche tecniche interne che offrono servizi top di gamma. Bisogna però stare attenti a questi modelli, c’è un allarme esplosione che sta facendo parecchio discutere.

I modelli di powerbank a rischio esplosione, è scattato l'allarme
State attenti a questi modelli di powerbank, sono a rischio esplosione – 24log.it

Ad essere interessate sono in particolare quelle con potenza pari o superiore ai 20.000 mAh. Tanto che sono persino vietate in aereo, in quanto potrebbero provocare incendi od esplosioni potenzialmente letali. Questo avviene per via di un controllo della temperatura, della sovratensione e della protezione dell’alimentazione non ottimale. E unendo il tutto alla scarsa qualità della batteria, i possibili danni sono sempre più probabili.

Ecco perché sarebbe sempre meglio mettersi al riparo acquistando un modello con minor potenza o applicando alcune mosse preventive. Come per esempio evitare di lasciare questi apparecchi in carica per un periodo prolungato e stare attenti a possibili cadute. Inoltre, il consiglio è di controllare sempre se il device si surrriscalda o presenta rigonfiamenti, due campanelli d’allarme importanti. Infine, se sentite un odore metallico o di bruciato, o anche un sibilo strano, allora potrebbe essere in corso un processo che porta a danni irreparabili.

Impostazioni privacy